Spedizione gratuita in Italia e sopra i 300 € in Europa

Magazine

Image

Maripol, la regina delle Polaroid.

La visione di vestire la sua grande amica Madonna con pizzi, calze strappate e crocifissi è diventata un fenomeno per milioni di adolescenti in tutto il mondo, arrivando ad ispirare Steven Meisel in persona per l'album di copertina "Like a Virgin". Se ciò non bastasse, ha collaborato con Elio Fiorucci, Andy Warhol, Jean Michel Basquiat e molti altri ancora.


Tutto iniziò con un regalo di Natale nel 1977. Il fidanzato di Maripol all'epoca, Edo Bertoglio, le regalò una fotocamera Polaroid SX-70 che la portò a raggiungere una reputazione nel mondo della moda e due soprannomi chiave: "la custode della club culture anni '80 "e" Queen of Polaroid ". Quando è arrivata a New York dalla Francia a vent'anni, doveva essere una breve visita - di certo non si aspettava di diventare una sorta di leggenda locale. Dotata della sua macchina fotografica Polaroid, avrebbe continuato a catturare tutti, da Madonna a Jean-Michel Basquiat, Keith Haring e Deborah Harry di Blondie. "Penso che un buon ritratto Polaroid induca le persone a dare un'espressione sincera", ha detto l'icona culturale. 'Se è un ritratto, ho la tendenza a tagliare l’inquadratura proprio all’altezza della pancia. Mi avvicino. E quando ti avvicini, ti avvicini all'anima della persona ".

 


I suoi decenni di intima Polaroid sono un record, specialmente quelle fatte sulla 54th Street perché è lì che si trovava lo Studio 54: Andy Warhol, Steve Rubell, Bianca Jagger, Jerry Hall, Grace Jones e molte altre icone dell'epoca. "Soho non era decisamente il Soho che è ora", ha detto Maripol. "Certo, l'area è invasa da fotografi emergenti e aspiranti menti creative", ma Maripol non è interessata agli influencer. "Non so nemmeno cosa significhi", ha detto. Di recente ha fotografato la collezione Autunno/Inverno 20 di Dior su Polaroid, una maratona di quattro giorni di riprese con 150 look che hanno prodotto 700 ritratti chic. "Abbiamo deciso che la Polaroid dà molta anima", dice del suo processo. 'Con il digitale molte cose sono formattate allo stesso modo ed è - mi scusi - noioso!'. Se vuoi saperne di più sull'incredibile vita di Maripol, il libro Cappuccetto Rosso raccoglie per la prima volta le sue fotografie, quaderni di schizzi e materiale di ispirazione.