Spedizione gratuita in Italia e sopra i 300 € in Europa

Magazine

Image

Earth Day

È stato un anno faticoso, sotto tutti i punti di vista. Ogni attività è stata letteralmente colpito dalla pandemia e innumerevoli persone stanno ora lottando per sopravvivere. Neanche il settore della moda è riuscito a rimanere illeso, e ha subito molti cambiamenti forzati. La chiusura di migliaia di negozi, la cancellazione di eventi e la cancellazione di produzioni da parte dei governi per più di un anno, e ancora in corso, cambieranno quest’ industria per sempre. Sicuramente un evento eclatante è avvenuto quando il governo danese, per far fronte all'emergenza sanitaria e frenare così l'infezione di una forma mutata di COVID-19, ha ordinato di abbattere milioni di visoni nelle loro fattorie. Il commercio delle pellicce sta ora affrontando un futuro incerto e un momento di profonda crisi, che riguarda tutto il mondo. I tempi difficili, tuttavia, a volte possono essere visti come un'opportunità per costruire nuovi percorsi.

Molti bioingegneri, biofisici e produttori lavorano da anni su nuove tecnologie per cercare di guidare il mercato della moda all’utilizzo di metodi più sostenibili. Tale obiettivo prevede produzioni cruelty-free e l’utilizzo di tecnologie sorprendenti, che danno vita a materiali innovativi che sostituiscono la pelle e la pelliccia attraverso. La startup Mycoworks, fondata da Philip Ross, Sophia Wang e Eddie Pavlu, produce biomateriali dal micelio. Il micelio è la parte vegetativa di un fungo e consiste essenzialmente in una massa di ramificazioni filiformi. Philip Ross ha iniziato a utilizzare il micelio negli anni '90 come mezzo per la scultura e ora, con il suo team di artisti, sta collaborando con ingegneri, biologi e scienziati per sviluppare e promuovere questo incredibile materiale in tutto il mondo. Mycoworks è fondamentalmente "un gruppo unico di persone che ha colmato il divario tra arte, scienza e manifattura" afferma Matt Scullin, CEO di MycoWorks.

 


Ancora una volta Bolt Threads, ispirato alla bellezza della natura, ha condotto ricerche approfondite sulle nuove tecnologie per cambiare il mondo dei materiali come lo conosciamo. Bolt Threads ha creato Mylo, un sostituto delle pelli sintetiche e naturali, e la famosa fibra MicroSilk, una seta vegana realizzata utilizzando input organici come acqua, zucchero, lievito e sale. Tutte le loro tecnologie evitano l'uso di processi tossici e tessuti non biodegradabili e si spostano verso produzioni sostenibili, rispettando l’ambiente.



In Italia Adriana Santanocito ha inventato la splendida Ohoskin, una pelle alternativa di arancio e cactus, presentando una soluzione 100% cruelty-free, da sostituire ai materiali di lusso. La moda sostenibile si sta decisamente diffondendo, crescendo sempre di più grazie all'impegno e alla passione di tanti professionisti e artisti in tutto il mondo. È un'occasione per prendersi finalmente cura del pianeta e dei suoi abitanti, visionando nuovi paesaggi ricchi e inesplorati.